Associazione di promozione sociale

Piossasco Via Don Puglisi ,8
Telefono: 3895532517

mail: info@associazioneilcompasso.it

Partita IVA 10166010016

Pratica psicomotoria educativa e preventiva

Crescere e star bene con gli altri significa diventare capaci di instaurare relazioni positive sia con i propri coetanei che con gli adulti significativi, saper ascoltare e collaborare, imparando a gestire i momenti di difficoltà e di conflitto.

Per il bambino in età prescolare questo significa riuscire a superare progressivamente la dimensione egocentrica che caratterizza questa età, imparare a mediare tra i propri desideri e quegli degli altri e condividere il piacere di stare assieme.

La pratica psicomotoria (metodo Aucouturier) viene proposta a gruppi di bambini dai 3 ai 7 anni allo scopo di accompagnare e sostenere ciascun bambino all’interno del suo personale percorso di maturazione per favorirne lo sviluppo affettivo, cognitivo e psicosociale. Nell’ambito di uno spazio appositamente attrezzato ed in un’atmosfera di sicurezza e serenità, il conduttore organizza l’insieme dello spazio, del tempo e dei materiali, dando ai bambini la possibilità di:

  • Sperimentare il piacere di muoversi, fare esperienze con il proprio corpo, vivere bene nella propria pelle
  • Trasformare il piacere di muoversi e giocare nel di piacere pensare
  • Organizzare il proprio pensiero a partire dalla strutturazione della propria identità corporea
  • Costruire un rapporto equilibrato fra realtà ed immaginario
  • Fare l’esperienza di vivere positivamente se stessi e le proprie possibilità di evoluzione e di crescita
  • Favorire l’evoluzione di diversi canali comunicativi, il controllo emotivo ed il contenimento dell’aggressività


L’attività di educazione psicomotoria può essere quindi considerata:

  • Uno strumento educativo “globale” che favorisce lo sviluppo affettivo, relazionale e cognitivo del bambino attraverso l’espressività corporea
  • Uno strumento di prevenzione del disagio, in quanto consente, da un lato di rilevare precocemente possibili segnali di difficoltà nello sviluppo del bambino e dall’altro è un aiuto nell’attenuazione e nella trasformazione dei fattori che all’interno dell’esperienza scolastica possono produrre disagio.

 

Si ritiene che tale attività possa essere uno strumento efficace per tutti i bambini ed anche per quelli che presentano problematiche relative ai comportamenti aggressivi e provocatori con il gruppo dei pari (fenomeni di bullismo) e con gli adulti, difficoltà di accettazione delle regole, isolamento e inibizione, ipercinesia ed instabilità, difficoltà e disturbi nell’apprendimento, scarsa motivazione nell’apprendimento.

 
free pokerfree poker